Intervista al Tg1

varicoceleIl varicocele è una patologia caratterizzata da un’alterazione della circolazione venosa del testicolo che comporta dei danni per la funzione testicolare.

E’ una patologia molto frequente che interessa circa il 15 -20 % dei maschi. E’ una patologia di grande rilevanza sociale per la sua frequenza ma anche per le conseguenze che essa provoca: è la prima causa di infertilità non solo nel sesso maschile ma anche per l’intera coppia (mettendo insieme le cause di infertilità maschile e femminile).
In questo sito il varicocele viene trattato in maniera approfondita partendo dalle informazioni generali, Cos’è, quali sono i sintomi, come si riconosce, la relazione con l’infertilità di coppia, le possibili ricadute del varicocele sul calo di testosterone e sui disturbi dell’erezione, quali sono gli interventi per varicocele. Vengono descritti approfonditamente anche con foto operatorie interventi di scleroembolizzazione anterograda e di legatura microchirurgica.

Le vene testicolari o spermatiche hanno un lungo decorso verso l’alto, sino in prossimità dei reni e sono provviste di meccanismi valvolari unidirezionali che impediscono al sangue, mano a mano che arriva, di ristagnare in basso attorno al testicolo. Se esistono delle condizioni predisponenti (assenza delle valvole, decorso, e/o sbocco anomalo delle vene, molteplicità o aumentata lunghezza delle stesse in giovani longilinei), si può determinare un reflusso (un flusso inverso) all’interno del sistema venoso. Diversità anatomiche favoriscono il formarsi del Varicocele a sinistra; raramente si manifesta solo a destra, mentre nel 15% circa è bilaterale. Lo sfiancamento delle vene comporta un ristagno di sangue intorno al testicolo, un aumento di temperatura ed un rallentamento dei metabolismi della gonade stessa che, a lungo andare, è causa di modificazioni irreversibili con conseguente possibile alterazione della fertilità. Il trattamento del Varicocele consiste nell’interruzione del reflusso. Esistono diverse metodiche chirurgiche di legatura delle vene refluenti a livello subinguinale, inguinale o più in alto nel retroperitoneo (queste ultime anche per via laparoscopica), ciascuna con propri vantaggi e svantaggi. Purtroppo, però, con qualsiasi tipo di trattamento sono possibili degli insuccessi. Per questo motivo, negli ultimi 15 anni si sono sviluppate le tecniche sclerosanti che hanno il vantaggio di essere meno invasive, eseguibili in anestesia locale e, quindi, in Day Hospital. Tali metodiche sono state da noi perfezionate e integrate tra loro a seconda della necessità, in maniera da personalizzare il trattamento per avere il migliore risultato con la minore invasività.

Il Varicocele è una importante causa di sterilità maschile e compare con l’inizio della pubertà. Si tratta di una situazione molto frequente, poiché circa il 15-20% di tutti i ragazzi dai 14-15 anni in poi ne sono portatori. Avere un Varicocele non significa necessariamente essere sottoposti ad intervento chirurgico. Circa il 60% di tutti i Varicoceli che vengono evidenziati agli screening scolastici non sono così importanti da dover essere trattati, almeno durante l’adolescenza.

Poiché l’incidenza del Varicocele è così alta da superare quella della sterilità maschile (ci sono molti uomini con Varicocele che hanno dei figli), e poiché prima dei 18 anni non è giustificato eseguire un esame del liquido seminale (Spermiogramma) per valutare la fertilità, nell’adolescenza vengono trattati solo quei casi che hanno delle forme più importanti e sono quindi più a rischio di futura infertilità. Tutti gli altri vengono controllati nel tempo e trattati solo in caso di peggioramento.